martedì 23 agosto 2011

Post senza foto

Questo è un post senza foto, e anche un po' senza senso, dato che il suo scopo è di trovarlo, un senso.
La vita del pendolare è terribile, ma a volte l'indigenza porta a riflessioni filosofiche di un certo spessore. Tranquilli, non è il mio caso, però mi viene da pensare a due massime fondamentali:
1. la vita è apparentemente assurda
2. la vita è un ciclo che si ripete
Queste considerazioni nascono ovviamente dal fatto che la gestione di trenitalia rimane un rebus irrisolto sia per i massimi scienziati del MIT sia per gli insuperabili enigmisti della famosa Settimana. Nessuno infatti è ancora riuscito a spiegare la regola, che pare legge di natura, secondo la quale l'aria condizionata delle vetture viene sparata a sottozero il mattino e puntualmente spenta la sera, quando l'altoforno ha raggiunto il picco di temperatura. Sono i misteri della vita, qualcuno li chiama misteri della fede, perché il pendolare sempre spera che il nuovo giorno sarà diverso.

Speranza vana, a quanto pare. La storia si ripete, la vita si ripete, e così anche le vicissitudini ferroviarie. Siamo stati in vacanza, abbiamo respirato un'aria più sana, ci siamo divertiti e rilassati, abbiamo sperato di vincere il superenalotto per poter non tornare. Poi alla fine siamo tornati e abbiamo constatato anche il ritorno degli inconvenienti di viaggio. Parlo del viaggio quotidiano verso il lavoro, ovviamente, e non di quello di ritorno in interminabili code, che comunque prima o poi finisce. Il viaggio del pendolare non finisce mai. Si ripete inesorabilmente come nel Giorno della Marmotta.
Ma che senso ha tutto ciò? a volte mi sento prigioniera di un romanzo inedito di Kafka, che per fortuna nessuno ha mai pubblicato.

3 commenti:

  1. Si ma poi nel film, c'è un lieto fine (almeno così pare dal link che hai postato!) :-)
    tu ? lieto fine?

    RispondiElimina
  2. se mai riuscirò a uscire da questo circolo vizioso, lo griderò ai quattro venti con inni di gioia.

    RispondiElimina
  3. spero di sentirti presto "urlare" ai 4 venti...(in bocca al lupo....)

    RispondiElimina

ShareThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...