martedì 26 febbraio 2013

Diari Genovesi/1 Joan Miró Poesia e luce

Come tutte le volte in cui qualcosa nella mia vita si incrina e i contorni di tutto ciò che credevo certo e definito si sfaldano, lasciandomi tracce amare tra le dita, in bocca, davanti agli occhi, io torno a casa.
Starò a Genova per una settimana e da qui vi aggiornerò su quello che scopro e imparo a (ri)conoscere. Perché Genova è una sorpresa continua, per tutti, anche per chi è abituato a conoscerla.
La prima puntata di questo viaggio ci porta alla mostra di Joan Miró ospitata a Palazzo Ducale fino al 7 aprile.
Joan Miró
Senza Titolo, 1978


Olio su tela, 92 x 73 cm.
Fundació Pilar i Joan Miró, Mallorca
© Successió Miró by SIAE 2012.
Foto: © Joan Ramón Bonet & David Bonet / Cortesía Archivo Fundació Pilar i Joan Miró a Mallorca

Joan Miró
Femme dans la rue, 1973


Olio, guazzo e acrilico su tela, 195 x 130 cm.
Fundació Pilar i Joan Miró, Mallorca
© Successió Miró by SIAE 2012.
Foto: © Joan Ramón Bonet & David Bonet / Cortesía Archivo Fundació Pilar i Joan Miró a Mallorca

L'esposizione si concentra sulla produzione degli anni maiorchini, tra il 1956 e il 1983, anno della morte dell'artista. 80 opere mai arrivate prima in Italia, tra cui 50 tele di grandi dimensioni, terrecotte, sculture, bronzi e acquerelli.
Joan Miró aveva Maiorca nel sangue prima che nel destino. Terra di origine della madre, Miró impara a conscere l'isola nelle lunghe estati che trascorre a casa della nonna. Nel 1929 sposa una maiorchina, Pilar Juncosa e negli anni della guerra tra il 1940 e il 1942 è proprio quella terra a dare loro ospitalità.
Non è strano dunque che Maiorca diventi il suo luogo di elezione, quello dove riesce a mettere radici nel 1956, il suo rifugio fino alla morte.
Qui realizza il proprio sogno di avere un grande studio, pensato e realizzato dall'amico architetto Josep Lluis Sert e realizzato seguendo le sue nuove esigenze di avere ampi spazi indivisi dove poter ripensare alla propria arte e rivedere l'atto creativo come fluido divenire di energia vitale e azione.
Le tele diventano enormi e non sono più posate su un cavalletto ma appoggiate per terra. Miró ci cammina, ci si sdraia a pancia in giù, spruzza, macchia, lascia scivolare tracce di colore. La sua arte abbandona qualsiasi tipo di figurazione ed è pronta a emozionare, anche grazie all'esempio dell'action panting americana di Jackson Pollock e all'influenza dell'astrattismo e della semplice linearità della calligrafia giapponese.

Una mostra che ci ha rapite e ci ha trasportate in un mondo di luce e colore: "Maiorca è la poesia, è il colore". Anche grazie alle audiocuffie pensate su misura per i bambini che, grazie a un linguaggio semplice e accattivante, sanno trasportare i più piccoli  nei meandri magici dell'arte.








Nessun commento:

Posta un commento

ShareThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...