martedì 11 giugno 2013

Il Mercato Orientale, fiore all'occhiello di Genova

Ci sono pochi posti che mi fanno sentire a casa, in qualunque luogo io mi trovi, come il mercato. Un puzzle di colori, profumi, persone, chi grida l'ultimo prezzo, quello stracciato, chi si affida al miglior offerente, ma signora mia lei non ha idea di quanto siano dolci queste ciliegie, le prime della stagione assaggi assaggi. Ci si perde in quella moltitudine, gli occhi vagano tra le offerte, cercando quella migliore, e poi si finisce per comprare sempre allo stesso banco, quello all'angolo in fondo a destra.
Forse perché da bambina, nelle prime mattine di libertà, quelle dopo la fine della scuola, accompagnavo mia mamma a fare la spesa proprio al mercato, respirando l'aria profumata d'estate e di promesse di nuove avventure.
Non era però un mercato qualsiasi, ma il Mercato Orientale, un luogo simbolo di Genova.

ph. Elisewin de Carewall
trovate altre splendide foto del Mercato Orientale qui

La storia del Mercato Orientale è strettamente legata alla nascita della chiesa di Nostra Signora della Consolazione, la cui costruzione ebbe inizio nel 1684 e a quella dell'annesso convento la cui costruzione ebbe inizio pochi anni dopo, nel 1699.

Il progetto della costruzione del convento era decisamente ambizioso e non venne mai portato a termine. Gli spazi destinati al convento, non finiti, furono riconvertiti non solo a domicilio dei frati, ma anche a piccole botteghe artigiane, anticipando di fatto una commistione di sacro e profano che avrebbe portato a sancire la destinazione finale di quella struttura. Alla fine dell’Ottocento infatti, proprio quando la città diventava oggetto di una grande espansione e antiche strutture venivano abbattute per far posto a nuove aree, ci si rende rapidamente conto che il mercato ha bisogno di una nuova collocazione. Ed ecco che si pensa a destinare a nuovo uso l'antico chiostro del Convento della Consolazione, situato nelle vicinanze della porta orientale della città, da cui il nome.
Foto tratta dal sito ufficiale del Mercato Orientale
I lavori, iniziati con una delibera nel 1893 vengono terminati nel luglio del 1898 e il Mercato Orientale viene inaugurato nel maggio del 1899 con una grandiosa esposizione floreale, diventando il più importante e frequentato della città. Fino a oggi. 
Nel marzo di quest'anno voci di corridoio hanno dato per certo l'interesse di grandi catene come Esselunga e Coop nell'acquisto degli spazi del Mercato. Questo significherebbe una gravissima perdita non solo di un servizio di qualità, ma anche di un pezzo importante della nostra storia.
Per questo ho voluto rendergli omaggio a modo mio















4 commenti:

  1. bellissime foto! sarebbe un vero peccato perdere un posto del genere, per un supermercato, poi! anche a me piacciono i mercati, non c'è tutto quello scatolame e sanno di buono!

    RispondiElimina
  2. io faccio il tifo per il mercato, naturalmente
    bellissime foto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tifiamo tutti insieme, allora, dai! già lo sappiamo che un coro di mille voci può smuovere montagne.
      [grazie]

      Elimina

ShareThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...