martedì 6 novembre 2012

Manifesto per le Mamme di Merda


Io sono una Mamma di Merda.
Finalmente l'ho capito e sono pronta ad accettarlo.
Lo stesso non si può dire della mia prole.
Io penso che per tutte arrivi prima o poi quella giornata davvero storta in cui ogni cosa che fai ti riesce male o non ti riesce affatto, che poi è quasi meglio.
Ecco per me quello è il modello base a cui poi vanno aggiunti gli extra, gli accessori, i bonus aziendali o come volete chiamarli.
Ieri è stata una di quelle giornate.


Tutto è cominciato ieri mattina, appena svegli, con un urlo straziante che proveniva dalla cameretta.
Il topolino dei denti non era venuto.
Lei aveva lasciato tutto lì, pronto sul comodino, il dentino e una lettera scritta di suo faticosissimo pugno che in realtà sembrava più una sorta di censimento: quanti anni hai? qual è il tuo colore preferito? siete in tanti là sotto?
Il topolino dei denti si era addormentato di botto la sera prima. E se ne era dimenticato completamente.
Il topolino dei denti ero io.
Incapace di reggere il senso di colpa ho cercato di minimizzare:
- Tesoro, ma non sarà venuto perché era stanco. Chissà quanti denti deve raccogliere in giro per il mondo (e chissà che schifo, pure). Magari viene domani.
- NO! Se non è venuto vuol dire che non esiste. E se non esiste lui, allora non esiste nemmeno Babbo Natale.
'Azz, il danno era più grosso di quello che immaginavo.
A quel punto ho cercato di deviare l'attenzione, come ho sempre letto che bisogna fare in questi casi su quegli utilissimi libri di pedagogia prêt-à-porter, che nelle giornate particolarmente di merda infilo sotto il cuscino sperando che mi rimanga appiccicato qualcosa, come si faceva al liceo quando non ci si preparava per un'interrogazione.
- Amore, siccome la tua cartella è rotta da un mese e la mamma non ha ancora avuto il tempo di cambiarla, e mi sembra faticoso per te portarla su una spalla sola, ho messo i libri nel tuo zaino dell'asilo, in attesa che una cartella nuova venga magicamente recapitata a casa nostra da qualche forza benefica.
- Ma mamma, quella cartella non va bene, mi prenderanno in giro.
- Su, su non dovete mica avere tutte le cose uguali, voi bambini! E poi da quando ti interessa quello che dicono gli altri?
- Ma mamma non ti sto dicendo che è brutta - anche se lo è - ti sto dicendo che è troppo piccola, i libri non ci entrano.
- (fingendo indifferenza ma sentendo che la disfatta era vicina, che il senso di colpa e il senso di inadeguatezza, alleati per l'occasione, l'avrebbero fatta fuori in un minuto) - Questi sono dettagli, nana, basta schiacciarli un po', i libri.
- Va bene, mamma.
- Dai vestiti che usciamo. Ti ho messo la merenda in cartella.
- No mamma, non era necessario, non sai che oggi è il giorno della frutta a scuola?
- Fruttaaaa? E da quando in qua distribuiscono frutta a scuola?
- Ma mamma c'era scritto negli avvisi, possibile che non l'hai letto?
- Si vede che mi sarà sfuggito.
- E cosa devo dire alla maestra quando mi chiede i compiti di matematica?
- Tu dille che i compiti non li hai potuti fare perché siamo stati in viaggio e che quello che si impara viaggiando vale tanto quanto quello che si impara sui banchi di scuola.
- Sei sicura?
- Più o meno. Adesso vai tesoro, altrimenti fai tardi.
- ciao mamma
- ciao amore...
....

Stamattina Mia si è svegliata e ha trovato una banconota sonante sul comodino, un pacco di cioccolatini e un modulo di censimento aggiornato e siglato. La cartella nuova è già in viaggio verso casa. E i compiti di matematica sono stati fatti in extremis, perché forse, ora che ci penso, contare i minuti che ci separano da una cena a base di würstel e crauti non è proprio come imparare bene bene a fare le sottrazioni.
Forse per questa volta basterà.
Ma temo che a dodici anni me la farà pagare cara.

38 commenti:

  1. mamma mia che tenerezza che mi hai fatto! Sono una MdM anche io... anche se credo che sotto sotto lo siamo tutte prima o poi, o, nel mio caso, prima e spesso anche poi...
    Direi che ti sei salvata alla grande, e direi che ti meriti almeno uno dei cioccolatini di quel malefico sorcio ritardatario...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. brava Giada, così si fa! ora vado a finirle il pacchetto, che non creda che la vita sia tutta rose e fiori!

      Elimina
  2. ahhhh mi son commossa...
    Ma che bello sto pezzo. E non sentirti troppo MdM: la condivisione aiuta!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lucia, vedo che siamo già in tante MdM. Potremmo fondare un movimento apartitico. O a parte, vedete voi.

      Elimina
  3. Benedetta! bellissimo post, mi unisco al coro delle MdM!
    (menomale che lo hai scritto, perchè pensavo di essere l'unica)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie odile, vedi che la funzione sociale dei blog è importantissima.? la condivisione ci aiuta a tenere duro e a farci du' risate

      Elimina
    2. direi che la condivisione sui blog è fondamentale!!!
      fondiamo pure sto movimento di merda ! :) Giada, pensi te alla grafica?? ;))

      Elimina
  4. Fantastico post: mi hai fatto ridere di cuore e commuovere allo stesso tempo!
    No, non te la farà pagare: ti amerà proprio per quello che sei!
    A presto!
    :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uh grazie, tu mi consoli! per caso sei mamma di adolescenti? in quel caso ti adotterei come mio guru

      Elimina
    2. MI sa che dovrai aspettare un po', perché il mio Binotto ha solo 27 mesi...:-))

      Elimina
    3. ops, avevi un piglio esperto... ;-)

      Elimina
    4. Mi piace vedere il bello delle cose e ho una fiducia sconfinata nei nostri piccoli!
      :-))

      Elimina
  5. Forse tu non sai che io sono un'esperta di mamme di merda (ho tanti talenti, tutti nascosti) e vorrei tanto dirti che le MdM non esistono, ma sarebbe una bugia. Qui comunque non ne vedo nessuna ;)
    Un abbraccio sorridente
    Ps. Ti leggo sempre da quando ci siamo divertite insieme a Milano!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anch'io Babara ti leggo anche se appartengo purtroppo alla categoria Commentatori Rari. Un abbraccio e cantagliene 4 alle vere MdM

      Elimina
  6. Risposte
    1. grazie Claudia! e si allunga la lista, anche se mi riesce difficile vederti come una MdM ;-)

      Elimina
  7. Siamo tutte MdM!! La verità è che facciamo troppe cose e non tutte possono venire bene, siamo mamme, mogli, lavoratrici, amiche, cuoche, lavandaie e donne delle pulizie, gli uomini sono solo lavoratori, al massimo padri e lavoratori... come ti capisco!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la verità cara Laura è che io non so cucinare, non so fare torte né lavoretti, pulisco il minimo indispensabile a mantenere la decenza e oggi mi sono accorta di non avere amici che mi portino al concerto di Vinicio Capossela. Lavoro, quello sì, ma il resto del tempo lo perdo in cose inutili...

      Elimina
  8. Ok, facciamo un banner? Io lo voglio!
    Ciao, mi chiamo Sara e sono un MdM!
    Tutte in coro: "CIaoooooo Saraaaaaa!".
    Io mi sono salvata in extremis col dentino. Ma solo perché tirandola su dal letto ho sentito il foglietto sotto il cuscino.

    RispondiElimina
  9. Mi ha messo allegria il tuo post. Mi ha suscitato empatia. Siamo i peggiori giudici di noi stessi. E no, non credo tu sia una mdm. Perché ci provi ogni giorno. Con le tue meravigliose imperfezioni, come le mie. Baci

    RispondiElimina
  10. quoto! Mdm anche io ... ormai il topolino è venuto tante volte (tre bocche in crescita) e qualche volta deve aver sbagliato casa... si è scusato ed è tornato il gg. dopo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciaoooo Zzzzoeeee, benvenuta anche tu nell'esclusivo club MdM

      Elimina
  11. oggi mi iscrivo ufficialmente nel vs gruppo!!! mia figlia domani consegnerà a scuola per ultima una foto richiesta ai primi di ottobre.
    mi sento proprio una MdM.
    nicolettaS

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciaooooo NicolettaSSSSSS. io pure, foto non ancora pervenuta

      Elimina
  12. io sono sicuramente una MdM ma ho la fortuna di avere un FeM (figlio eccezionalmente meraviglioso) che oltre a non farmi pesare la mia merdaggine ha completamente rimosso qualsiasi richiesta per non farmi sentire una MdM. Credo che la natura compensi....Ma tu no Bede, tu ti poni il problema...quindi MdM si dimezza in automatico...:-) P.S. Io i dentini di Michael l'avevo messi in una bustina ma nn li trovo più, e lui non ricorda più di avere avuto altri denti....quando si dice un'intesa perfetta...

    RispondiElimina
  13. Meno male che ho letto il tuo post, vado subito a mettere 1 euro (banconota??!!) che stasera ha perso il dentino!! Poi non mancheranno altre mille occasioni per essere MdM domani..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la banconota era da 5. sai, mi sentivo in colpa....

      Elimina
  14. Ecco il tuo post serve anche a me: Stamattina Stefano si è svegliato con un dentino che gli faceva male...credo mi porterò avanti e comincio a preparare i soldi da qualche parte che sicuro va a finire che il giorno che gli cade sarà la sera che son senza contanti in casa.
    Ehm e spero non si sporchi all'asilo se no muore di freddo visto che ogni volta mi dimentico di portargli il cambio invernale invece di quello estivo..insomma siamo tutte sulla stessa barca

    RispondiElimina
  15. Semplicemente fantastica...una mamma, donna, fantastica.

    RispondiElimina
  16. Eccomiiiii! Mdm anche io. Ed anche commentatrice rara. Ma sappi che a vedere vinicio ci verrei ululando di gioia. Peccato che al momento mi sentirei ancor più mdm se, oltre a non vederla tutto il giorno, non ci fossi neanche x la sua nanna . Crinico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma dov'eri quando cercavo disperatamente qualcuno per Vinicio???? Ti avrei convinto con argomenti inoppugnabili. E comunque sappi che Cat Power non viene più!

      Elimina
  17. Non sono mamma, ma da figlia posso dirti che anche da piccini capiamo le giornate no dei nostri genitori, quindi, bisogna si interessarsi, ma non esagerare per queste piccole distrazioni!

    RispondiElimina

ShareThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...