mercoledì 19 febbraio 2014

Mia figlia non legge. Ottoline, salvaci tu!

Ieri ho intimato a mia figlia di leggere.
Le cose sono andate più o meno così.
- Amore lo so che sei malata ma perché invece di guardare la TV non ti leggi un bel libro?
- Io ho un'idea migliore, perché non me lo leggi tu?
- Tesoro, sai quanto mi piaccia leggere per te, ma il gusto che si prova a chiudersi in camera, in segreto e immergersi in una storia speciale da sola, ti assicuro, non ha pezzo.
- Beh, non c'ho voglia.
- Ma tu non hai mai voglia! Se non ti alleni un po', leggere sarà sempre più una fatica che un piacere.
- Non mi puoi mica obbligare!
- Certo che posso. Leggi, adesso, altrimenti niente TV!

Adesso, a parte il fatto che Steiner, la Montessori e pure Mary Poppins si staranno rivoltando nella tomba, mi chiedo, come siamo arrivati a questo?
Eppure ho fatto tutto nel modo giusto.


Le ho sempre letto loro un libro, a partire dai sei mesi di età. Tutte le sere. Senza saltarne una, a parte quando avevo la polmonite  e non riuscivo a respirare. Le ho comprato sempre libri di qualità, con standard grafici ed estetici (ed esborsi monetari) elevatissimi. Ho sempre lasciato con nonchalance dei libri sparsi per casa. L'ho portata a laboratori, seminari, corsi di selfpublishing per bambini, mi mancano solo le sedute di ipnosi collettiva. Mi sono spezzata la schiena a furia di seminare, ma sto raccogliendo solo erbacce, e ho pestato anche qualche cacca.
Forse, ma dico forse, facendomi un esame di coscienza, sono io la prima che ha perso il gusto di leggere. [COMING OUT] A parte quelle due pagine prima di addormentarmi e le rare volte che viaggio in treno, durante la giornata non apro mai un libro. Il risultato è che lei non mi vede MAI leggere. E allora perché mai Mia dovrebbe fidarsi quando le dico che leggere è meraviglioso se io non lo faccio mai? In fondo quando le dico che una cosa è divertente, sono io la prima a provare.
Forse se nelle brevi parentesi in cui mi rilasso sul divano la smettessi di prendere in mano lo smartphone e aprissi il mio dannato libro, le cose migliorerebbero un po'. In fondo i bambini imparano da noi, ci copiano, sono lo specchio fedele di quello che siamo.

Un speranza però ce 'ho. E si chiama Ottoline.


I libri di Chris Riddell, scritti e illustrati da lui, sono gli unici che abbiano attirato il suo interesse. Gli unici che abbia letto per intero (2 su 3 in nove mesi ma non mi lamento) e sono davvero una meraviglia. Mi sono stati consigliati da Santa Stefania della libreria L'albero delle Lettere di Genova, un giorno piovoso di giugno quando sono strisciata da lei con queste precise parole: - Mia figlia non legge! Cosa le do? Esclusi psicofarmaci, intendo.

Ed ecco la risposta, chiara lampante e bellissima.
Ottoline è una bambina che è un po' Pippi e un po' quello che tutte noi da bambine avremmo voluto essere. Vive da sola, perché la sua mamma e il suo papà sono cercatori di cose rare e sono sempre in giro per il mondo. Però le spediscono sempre delle bellissime cartoline. Vive nel grattacielo Macinapepe insieme al suo migliore amico, Mister Munro, una specie di cugino Itt che proviene dalla Norvegia.





Ha una collezione di scarpe spaiate e nel suo armadio vive un orso.




Il suo talento speciale è ordire piani ingegnosi per risolvere misteri.
Al testo si alternano illustrazioni a tutta pagina, fumetti, testi di lettere e cartoline, elenchi e tutti gli espedienti che possono spezzare la narrazione e divertire il piccolo lettore.







La serie è composta da tre libri:
Ottoline e la gatta gialla
Ottoline va a scuola
Ottoline al mare
Tutti editi da Il Castoro.
Non sono collegati fra loro, quindi si può iniziare da quello che si vuole, inoltre il personaggio di Ottoline è presentato allo stesso modo all'inizio di ogni libro.

Secondo me sono perfetti per chi ancora deve lasciarsi conquistare dalla magia della lettura.
A patto che i libri li prendiate in mano anche voi!

Qui trovate il sito di Chris Riddell
Da perderci la testa.

Nessun commento:

Posta un commento

ShareThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...