giovedì 12 aprile 2012

L'inglese per bambini non è un gioco da ragazzi


Mi presento: sono Cristina (sempre io), sono anglofila e ho un passato da insegnante di Inglese. Ammetto di essere pignola quando si tratta di apprendimento della lingua, non tanto riguardo ai risultati, quanto riguardo ai metodi. Quindi, contrariamente a quanto possa sembrare, non sono una snob che se sente qualcuno parlare inglese in modo stentato pensa che sfigato, o simili. Molti di noi non ne hanno fatto una ragione di vita, ma lo hanno studiato male a scuola e con un po' più di coscienza da adulti, per esigenze di lavoro, in genere. Benissimo. Ognuno fa quello che può, per quello che gli serve.
Il modo migliore per imparare una lingua, naturalmente, è farlo da piccoli, bevendola insieme al latte materno. Alcuni fortunati hanno una doppia esposizione linguistica fin dalla prima infanzia, grazie a genitori di nazionalità diverse. Ma se non avete sposato un bellissimo inglese (per me sono tutti bellissimi... più o meno), nessuno vi vieta comunque di iniziare vostro figlio alla lingua straniera. Stiamo attenti, però, perché l'imprinting non è una leggenda. Se non vi sentite all'altezza, se sapete che il vostro inglese è stentato e la pronuncia pessima e insicura, rivolgetevi a professionisti, come per esempio i Learn with Mummy di Letizia Quaranta.
Però non sono qui per dispensare consigli, io stessa tento di avvicinare mia figlia all'inglese, ma alterno periodi di costanza a periodi di sconforto. Il motivo per cui scrivo è un appello, uno sfogo... chiamatelo come volete: ce l'ho - a morte - con i programmi per bambini che propongono al loro interno una seconda lingua (l'inglese, appunto), in onda su  diverse reti satellitari. Innanzitutto non ritengo che introdurre qualche parola in inglese ogni tanto possa essere molto utile, ma di certo aiuta ad avvicinare i bambini a una lingua straniera, arricchendo il loro vocabolario. L'aspetto che però trovo agghiacciante riguarda la pronuncia. Questi vocaboli sporadici, o brevi espressioni, vengono pronunciate all'italiana. Ma dico, era così difficile trovare una voce che potesse anche parlare in inglese davvero? L'imprinting non è una leggenda (l'ho già detto?). Se ho sempre sentito la parola castle pronunciata come la vedete scritta, non riuscirò di certo a individuarla in una frase, quando verrà pronunciata nel modo giusto. Questi programmi rischiano quindi di essere dannosi, soprattutto se state tentando di esporre il pargolo a una LINGUA diversa, non solo a qualche parola.
Faccio quindi un appello ai signori che si occupano del doppiaggio di questi cartoni animati: vi prego, ponete rimedio all'obbrobrio stonato e introducete una vera English pronounciation. Please, for the children's sake, for my sake. PLEASE.


5 commenti:

  1. Si è vero forse per i bambini non è facilissimo impare l'inglese ma io sono convinta che un buon metodo è imparare giocando! Da qualche settimana sto utilizzando "Canta English" che insegna la lingua cantando simpatiche filastrocche in Inglese. Il DVD su cui si fanno le lezioni ha come insegnante John Peter Sloanche a mio avviso è molto bravo e simpatico ep oi ti danno anche un gioco da tavolo per bambini dove loro stessi possono ripetere le parole che hanno imparato. Insomma un bel metodo (nuovo) che funziona. Io l'ho conosciuto qui https://www.facebook.com/cantaenglish e qui ci sono i video tutorial per capire meglio di che sto parlando: https://www.youtube.com/user/Cantaenglish. Un saluto a tutti/e. Spero questo mio consiglio vi possa tornare utile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Lucia, forse l'ho visto, sai? Me lo ha sottoposto un'amica che voleva usarlo. Se è quello che dico io, era fatto bene, anche se molti degli strumenti presuppongono bambini in età scolare. La diffccoltà maggiore, per me, è coinvolgere bambini di 3/4 anni, facendoli giocare, certo, ma senza scoraggiarli dalla mancata comprensione. Io lo so che non è necessario capire tutto, per giocare, ma mia figlia non lo accetta. Non da me, per lo meno. comunque lo terrò presente. Grazie

      Elimina
    2. Ciao Cristiana. Si puoi sempre provarlo e vedere i risultati. Se poi sono positivi continui con i numeri successivi e intraprendi una specie di percorso in lingua.. Se vuoi maggiori info trovi qui www.cantaenglish.com.
      Ciao e a presto!

      Elimina
  2. Anch'io come voi sono in cerca di un regalo natalizzio giocattolo, didattico e per bambini piccoli.. Ma dove lo trovo questo canta English per esempio? sembra molto carino..

    RispondiElimina
  3. Hello! This is kind of off topic but I need some help from an established blog.
    Is it difficult to set up your own blog?
    I'm not very techincal but I can figure things out pretty fast. I'm thinking about creating my own but I'm not sure where to begin. Do you have any ideas or suggestions? Thank you

    Have a look at my web site; costs of dental implants

    RispondiElimina

ShareThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...