venerdì 14 ottobre 2011

Anche noi abbiamo lasciato il segno

Le immagini parlano chiaro.
Sabato otto ottobre in Piazza Duomo abbiamo liberato le nostre poesie nascoste, che non erano solo parole, disegni, sigle, scarabocchi, smile e slogan antigelmini. La poesia, quella vera, era racchiusa nella sacralità del gesto, impressa nel pennello ancora prima che rilasciasse il suo segno. L'atto di lasciare un'impronta su un grande spazio bianco, la voglia di essere ascoltati, il desiderio di esserci per fare la differenza, tutto questo ha dato vita alla magia di Pagina Bianca.
Troppo spesso l'Arte è ingabbiata in posti che non fanno per lei, costretta a tirarsi a lucido quando vorrebbe essere casual, ospitata in grandi Accademie quando vorrebbe solo dormire per strada su una panchina.
Lo scopo di di Art Kitchen, e delle performance come Pagina Bianca, è quella di riportare l'arte dove deve stare, tra la gente nelle piazze, sui muri. Per essere condivisa, amata, e perché no, pasticciata.

Noi ci siamo divertite. Confermo che il colore veniva via benissimo dalla pelle. Un po' meno dai vestiti.
Ah, già, quasi dimenticavo, se vi sentite soli, volete dare un senso alla vostra vita e allo stesso tempo provate compassione per quelle piccole, povere parole che tanto frequentemente vengono usate a sproposito, o ahimè non adoperate affatto, vi consiglio di adottarne una.
Qui scoprirete come fare.







Nessun commento:

Posta un commento

ShareThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...