martedì 14 giugno 2011

Un cartellone pubblicitario? No, una borsa!


Quale momento migliore di questa giornata post referendaria per parlarvi di riciclo? E non di un riciclo qualsiasi, ma di un riciclo su scala industriale a partire dai banner pubblicitari realizzati in pvc. Tre soci di Sesto San Giovanni con alle spalle esperienze di marketing, spettacolo, comunicazione e design decidono alla fine del 2009 di non voler essere solo vaghi consumatori responsabili, ma di voler fare attivamente qualcosa di concreto in termini di imprenditorialità e sostenibilità. Abitando a Milano erano abituati a vedere cambiare ogni mese la maxi pubblicità davanti a casa. Il pvc, materiale di cui sono fatti i banner, non è certo semplice da riciclare. Ecco quindi che scatta l'intuizione. Realizzare una linea di moda che trasformi i banner usati in eco-borse e accessori, tutti coloratissimi e di tendenza. Il materiale si prestava non poco a questa operazione: resistente, colorato, impermeabile. Nasce così garbageLAB.
Partiti con un investimento iniziale di 40.000 euro spesi per rimettere a posto un vecchio magazzino, adesso lavorano in uno spazio di 100 mq nell'area riqualificata delle ex acciaierie Falck, a Sesto San Giovanni. Riutilizzano, riportandoli a miglior vita, circa 1500 mq di pvc al mese, una parte importante della totalità delle affissioni milanesi, dalle quali devono scegliere i pezzi che più si adattano esteticamente alla destinazione finale, privilegiando quelli colorati, con le scritte.
Il risultato sono borse, accessori, porta ipad, belli da vedere e che fannno bene all'ambiente:
Guardare per credere:





Tutti i prodotti garbageLAB sono acquistabili sul loro e-shop o nei punti vendita indicati sul sito.

2 commenti:

  1. Interessante, il riciclo è sempre degno di attenzione tuttavia non sono molto originali dal punto di vista grafico, vedi le famose borse Freitag fatte con i teloni dei camion. http://www.freitag.ch/shop/FREITAG/page/frontpage/detail.jsf
    Avrebbero potuto intraprendere una strada più personale. Ci sono mille forme, colori, riferimenti, spunti a cui attingere...

    RispondiElimina
  2. non conscevo Freitag e in effetti i prodotti sono molto simili... mi piaceva l'idea del riciclo del messaggio pubblicitario. il veicolo del consumismo che ne diventa l'oggetto... ma queste sono mie elucubrazioni contorte.

    RispondiElimina

ShareThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...