mercoledì 21 settembre 2011

Professione: mamma


Una cosa ho capito: essere mamma è uno stato dell'essere che si trasforma in professione. La mamma è per definizione una persona attenta ai bisogni degli altri, che non diventa mai invadente ma è sempre presente. Quindi ci sono madri di famiglia che non sono mamme di professione e donne senza figli che come lavoro fanno le mamme. Qualche esempio? Insegnanti dedite al proprio lavoro; infermieri e medici che si adoperano non solo per guarire i pazienti ma anche perché il processo di guarigione sia "umano"; chiunque tenti con i propri mezzi di rendere questo mondo migliore. Poi c'è una terza categoria: le madri di famiglia che riescono anche a essere mamme di professione, perché riescono a essere sempre attente alla vita dei loro figli nella giusta misura.
Voi a quale tipologia appartenete?

Io temo di rientrare a pieno titolo nella prima, ma mi sta un po' stretta, non sopporto di vedere scivolare la vita, mia e di mia figlia, nell'impotenza della quotidianità.
Il proposito per il nuovo anno (scolastico) è cambiare professione. Diventare mamma a 360° per il bene di mia figlia, dei figli degli altri, dei miei nipoti e anche mio, per non scoprire in punto di morte che non ero vissuto. La sensazione che ho, infatti, in giornate come questa, è di essere trascinata via dalla corrente della vita degli altri, dei loro interessi che non sono i miei. Lavoro per qualcosa che non mi appartiene e che non sarà mai davvero parte della mia vita. Perché diciamocelo: lavorare per lo stipendio non basta a dare dignità all'uomo.

8 commenti:

  1. Hai ragione...se te la senti FALLO!

    RispondiElimina
  2. che tradotto in slang significa: e allora dajjje!

    RispondiElimina
  3. che bello questo blog...lo scopro solo oggi! vi seguo.

    RispondiElimina
  4. Non intendevo che mi voglio licenziare per fare la mamma, ma che vorrei uno stile di vita slow per non perdere i momenti importanti e per non prendere decisioni troppo in fretta e in modo superficiale.

    RispondiElimina
  5. come ti capisco! ....cara Cristina! Io ho dovuto scegliere...ero arrivata al bivio....

    RispondiElimina
  6. Io al bivio ci sono da un po', ma me ne sto ferma lì in attesa di qualche certezza, che confido arriverà presto.

    RispondiElimina
  7. a volte la vita ti da un segnale , tu lo ignori! se è proprio magnanima te ne offre un altro..e tu lo ignori! Allora la vita dice...ma cacchio ...io te l'avevo detto e ti da una salaccata!!!!!!!!!

    RispondiElimina

ShareThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...