martedì 31 maggio 2011

Vocabolario privato


Parlare non è facile come dirlo. Lo sviluppo del linguaggio, la capacità di fare proprie le parole e quella poi di riprodurle varia da bambino a bambino. Non bisogna allarmarsi se a due anni ancora parlano una lingua che nessuno o quasi riesce a decriptare. Continuo a ripetermelo!
Di seguito un elenco casuale dei vocaboli che mia figlia snocciola con tutta la scioltezza di una madrelingua di babyish (bambinese o bambiniano a seconda della preferenza linguistica).

acca = acqua
brum = acqua da bere / macchina
cocco = biscotto / cavallo
duie = due
teh = tre
buh = blu o baloo (il suo orsacchiotto)
giaie = giallo
lollo = rosso / qualsiasi cosa rossa --> pasta rossa, risotto rosso, triciclo rosso
tette = verde (imbarazzante quando indica la maglia verde di una ragazza in presenza di papà)
tone = arancione
popo = amico si nome Jacopo / bambolotto che assomiglia vagamente a Jacopo (!)
totto = rotto
potto = sporco
eh brumm(e) eh potto = camioncino che pulisce le strade o raccoglie la spazzatura
iaha = chiara
iia = via
lole = sole
buhio = buio
ute = luce
don = campana, campanile
panne = pane
panne molle = pan carré
crachker (pronunciato alla paperino) = cracker
achze = (pronunciato alla paperino) = grazie
wa-wa/ canne = cane

2 commenti:

  1. troppo bello! sembra il vocabolario del mio davidino!!!!!

    RispondiElimina
  2. La cosa che mi piace di più è che una parola può avere più significati. Proprio come nelle lingue "vere". E si capisce SOLO dal contesto.

    RispondiElimina

ShareThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...